Entanglement Quantistico

da | Set 17, 2018 | Fisica Quantistica | 0 commenti

L'entanglement quantistico è alla base di tecnologie emergenti come i computer quantistici e la crittografia quantistica e ha permesso esperimenti relativi al teletrasporto quantistico, su cui si appuntano le speranze di nuove tecnologie.

Tutto è interconnesso!

Anche se potrebbe sembrare che tra noi e il resto dell’Universo ci sia una separazione, in realtà tutta la materia presente nell’Universo non si è mai separata, restando fino a oggi interconnessa a una rete invisibile fatta della stessa sostanza di cui sono fatte tutte le cose, che permea ogni angolo dell’Universo e fa di noi un unico gigantesco ecosistema.

Secondo il principio quantistico dell’entanglement, ogni volta che separiamo una particella, essa resterà sempre collegata all’altra metà come se fossero ancora un corpo unico: se proviamo a cambiare la polarità di una di queste particelle, portandola da positiva a negativo, anche l’altra particella cambierà polarità, senza che nessuno l’abbia effettivamente toccata. Ma non è ancora tutto: questo avviene in modo istantaneo superando la velocità della luce, infatti possiamo ottenere lo stesso risultato anche se le particelle sono separate ad anni luce di distanza tra loro. Grazie a questa interconnessione che ci unisce da sempre, l’informazione passerà da un angolo all’altro dell’Universo in modo istantaneo, senza confini e senza limiti.

Guarda il video che spiega l’esperimento che ha dimostrato scientificamente l’esistenza della correlazione quantica (entanglement)

il TELETRASPORTO

Il concetto di teletrasporto oggi è utilizzato comunemente dagli scienziati. Nonostante violi alcuni dei fondamenti su cui si basa la possibilità stessa di studiare la fisica, il teletrasporto è diventato infatti una realtà empirica, verificata quotidianamente dagli scienziati sperimentali in tutto il mondo. Non sappiamo ancora realizzarlo nelle dimensioni macroscopiche di Star Trek, in cui si viaggiava persino in comitiva, ma con singole particelle funziona già. Einstein non lo riteneva possibile e la chiamava “spooky action at a distance”, “inquietante azione a distanza”. Ora l’espressione è diventata il titolo di un libro di George Musser, uno dei più popolari divulgatori della fisica teorica della rivista Scientific American, appena pubblicato da Adelphi.

Il significato più esatto di “spooky” è “spaventoso”, nel senso dei fantasmi. Per Einstein ammettere l’esistenza del teletrasporto equivaleva a riconoscere una realtà soprannaturale. Per molti scienziati dell’epoca era una specie di scomunica. Eppure se in questi anni parliamo seriamente di teletrasporto è proprio colpa di Einstein.

[tratto dal sito iltascabile.com]

Se cerchi articoli scientifici riguardo il teletrasporto visita i siti delle riviste Nature e Physical Review

Intervista a Vittorio Marchi (fisico e ricercatore) e Massimo Corbucci (fisico, medico e ricercatore)

– Vittorio Marchi:
Non si può più continuare a concepire l’Universo come se fosse una struttura costituita da frammenti sparsi nello spazio, ma bisogna concepire questa struttura come un tutt’Uno.
Noi continuiamo a parlare di aldiquà e aldilà, visibile e invisibile, materia e spirito, senza mai ravvederci che le due cosiddette metà, se di metà si può parlare, sono coesistenti.

Se io guardo il palmo della mia mano io dico che questo è il davanti, allora il dorso è il di dietro, che senso ha?
Ma potevo fare anche il contrario?
Il dorso è davanti e questo è il di dietro.
Ma davanti o dietro è sempre la mia mano.
Sto parlando della mia mano, non sto parlando di altro.

La fisica meccanicistica continuava a dire che esiste l’altrove, esiste la distanza, esiste la lontananza, oggi la fisica quantistica invece asserisce che esiste l’ovunque, ma l’ovunque significa dappertutto.
Quando io vedo un oggetto io vedo un qualcosa di solido, poi vedo un qualcosa frapposto fra me e lui di invisibile quindi di non solido, poi quando arriva a me vedo qualcosa di solido, ma io, ciò che è frapposto, e quell’oggetto è sempre la stessa essenza che si costituisce ora densa ora meno densa, e questo ci fa apparire tutte le cose come separate e divise.

Se io prendo un fotone, lo scindo in due fotoni, se è visto che un’informazione data ad uno si traduceva istantaneamente all’altro e viceversa.

– Massimo Corbucci:
I due elettroni anche qualora venissero separati, rimangono in comunicazione se bene li separi un enorme spazio, quest’esperimento è stato fatto e quando è stato portato un elettrone a Roma e un elettrone a Ginevra, quando l’elettrone su a Ginevra si girava di spin anche quello a Roma faceva la stessa cosa, 732 Km di distanza, istantaneamente si girava lo spin.

– Vittorio Marchi:
Questo voleva dire che l’informazione è istantanea, e quindi non c’era più bisogno di percorrere una distanza fra l’uno e l’altro per trasferire l’informazione da uno all’altro, non esisteva più lo spazio, non esisteva più il tempo.

– Massimo Corbucci:
Se si capisce che gli elettroni sono immersi in questo mare che la fisica non ha ancora compreso si capisce anche che le distanze sono solo una nostra impressione soggettiva, quindi due elettroni se stessero a un milione di anni luce di distanza tra loro sarebbero sempre in comunicazione: questo è l’entanglement, l’intreccio.
Quando uno ha compreso che dietro all’entanglement non c’è che una spiegazione semplicissima capisce la Vita, capisce la Morte, capisce la Spiritualità, capisce la Materialità, in una parola capisce.

– Vittorio Marchi:
Se così stanno le cose vuol dire che non c’è disgiunzione fra me, lo spazio, l’altra particella, l’altra particella ancora, che tutto è un unico tessuto, che tutto è la stessa cosa.
Allora anche io sono un Cosmo che si è individualizzato esattamente come può fare un cristallo di ghiaccio nell’acqua, che cos’è quel cristallo di ghiaccio?
Non è altro che un oceano, un acqua individualizzata, ma che non deve sentirsi a sè stante, perchè se a me chiedono “Chi sono io?” io non posso rispondere altro che “Io sono il Tutto”.

[fonti: dal web]

Letture consigliate

Film consigliati

RTD

RTD è un programma di crescita personale e raggiungimento di obiettivi sviluppato in 10 sessioni di Coaching Olistico e Mentale.

Clicca qua sotto per scaricare gratuitamente il capitolo 5 del libro e l’esercizio di meditazione

Ti potrebbe interessare:

Medicina Energetica

Medicina Energetica

Il Benessere è la condizione fisica, mentale ed emotiva, ideale a farci affrontare la vita in modo propositivo e costruttivo. Il coaching olistico attraverso la medicina energetica aiuta più di ogni altra metodologia a ritrovare il proprio equilibrio con se stessi e tutto ciò che ci circonda..

Coaching

Coaching

Il coaching è un’attività mirata al miglioramento delle prestazioni di un singolo individuo o di un team di persone. Attraverso metodologie linguistiche, esercizi pratici o mentali come la visualizzazione, la meditazione, l’induzione e molto altro ancora, il cliente o il team fa chiarezza sul proprio futuro e sui propri obiettivi, imparando ad affrontare la realtà e a trovare il giusto equilibrio tra vita privata e carriera.

Vivi senza vita | Covid-19

Vivi senza vita | Covid-19

Questo virus sta dimostrando in modo oggettivo che una volta estinto l’essere umano il pianeta Terra potrà nuovamente risorgere e tornare a splendere pienamente, come splendenti sono tornate oggi le nostre città che ci vedono rinchiusi in gabbia, nelle nostre case, senza la possibilità di avvicinarsi a nessuno, in poche parole: vivi senza vita. Continua la lettura..

Community

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dove vuoi ricevere il link per accedere ai download?

Clicca qui se preferisci riceverlo su Messenger

Trattamento dei dati personali

Perfetto! Riceverai il materiale all'indirizzo fornito.

Share This

Condividi l'articolo sui tuoi social

Grazie in anticipo per il tuo contributo